CASA A PINEROLO: LO SPORTELLO PER LE FASCE DEBOLI

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

dal COMUNE DI PINEROLO

PINEROLO – Le ASLO ossia le agenzie sociali per la Locazione sono sportelli comunali che hanno la finalità di favorire la sottoscrizione di contratti a canone concordato ai sensi del comma 3 dell’articolo 2 della legge 9 dicembre 1998, n.431 mettendo in contatto i proprietari di alloggi privati con cittadini in condizioni di svantaggio economico e sociale, il tutto con la finalità di contenere il disagio sociale connesso ai problemi abitativi.

Con la riapertura dello sportello, che era presente a Pinerolo ma è stato chiuso nel 2011, il Comune riporta sul territorio un servizio fondamentale per consentire alle fasce più deboli della popolazione di accedere ad affitti a canone concordato. L’ASLO in base alle disposizioni
regionali avrà anche il compito di favorire l’accesso a un sostegno economico ai mutuatari in difficoltà, che si trovano a non poter pagare le rate del mutuo per sopraggiunte le difficoltà economiche.

Pinerolo torna quindi a far parte dei 43 i comuni piemontesi ammessi al finanziamento della misura ASLO e per i quali la Regione ha stanziato 1.760.000 euro del bilancio finanziario gestionale 2019/2021 annualità 2019. Il Comune di Pinerolo è inoltre capofila per il Pinerolese e punto di riferimento per coloro che risiedono nei comuni privi di sportello.

“Un grande risultato per il territorio” – ribadisce Lara Pezzano, Assessora alle Politiche Sociali e Sanitarie del Comune di Pinerolo. “Il mio ringraziamento va agli uffici che si sono impegnati per far tornare a Pinerolo un servizio fondamentale per le fasce deboli e al comitato Rete Casa che in questi anni ha sempre aiutato in modo informale a cercare risposte per le fasce deboli, facendosi da intermediario con i privati. Con loro continueremo a collaborare per creare sinergia e complementarietà nel servizio offerto. Sempre più persone potranno accedere a contratti a canone concordato; inoltre, con le nuove misure, chi è in difficoltà potrà pagare il mutuo evitando di perdere la casa”. Per maggiori informazioni contattare l’Ufficio Casa/Politiche Sociali al numero telefonico 0121-361232/228/229 oppure scrivere un e-mail all’indirizzo servizi.sociali@comune.pinerolo.to.it.

I SERVIZI DELL’ASLO

CONTRATTI DI LOCAZIONE A CANONE CONCORDATO

Le ASLO, compatibilmente con le risorse economiche disponibili, aiutano i cittadini interessati a sottoscrivere un nuovo contratto di locazione a canone concordato e erogano ucontributo sia per proprietari sia per gli inquilini. Per i proprietari da un minimo di 1.500,00 euro a un massimo di 3.000,00 euro in relazione alla durata del contratto e fondo di garanzia (a discrezione del Comune). Per gli inquilini il contributo varia da quattro a otto mensilità del canone, in relazione alla fascia ISEE di appartenenza. I beneficiari che possono richiedere il contributo per i contratti di locazione sono:

Tutti i cittadini di nazionalità italiana, di un paese dell’Unione Europea, o cittadini non
appartenenti all’Unione Europea in possesso di un regolare titolo di soggiorno residenti o aventi attività lavorativa da almeno un anno nel Comune sede di Agenzia o nei Comuni appartenenti alla medesima rete di Agenzie.
Aventi un ISEE inferiore a 26.000 euro.
Non titolari (richiedente e altri componenti del nucleo famigliare) di diritti esclusivi di proprietà (salvo la nuda proprietà), usufrutto, uso e abitazione su uno o più immobili di categoria catastale A1, A2, A7, A8, A9, ubicati in qualunque località del territorio nazionale oppure su uno i più immobili di categoria catastale A3, ubicati sul territorio della provincia di
residenza.

CONTRIBUTI PER IL PAGAMENTO DEL MUTUO

Può accedere a un sostegno economico anche chi ha un mutuo ma non riesce a pagarlo per sopraggiunte difficoltà economiche. Accedono al sostegno i mutuatari la cui rata è stata interrotta per il limite massimo di mensilità consentito dalla legge, che non sono più coperti da contratti assicurativi a garanzia dei rischi e per i quali permangono le situazioni che incidono negativamente sulla situazione del nucleo anagrafico. Il contributo a fondo perduto è definito in dodici rate mensili per chi ha un Isee inferiore a 6.400 euro, nove rate mensili per chi ha un Isee fino a 10.600 euro, sei rate mensili per chi ha un Isee fino a 26.000 euro. L’immobile oggetto del mutuo non deve avere le caratteristiche dell’abitazione di lusso, la superficie massima non può superare i 95 metri quadrati, il valore iniziale del mutuo non deve superare i 100.000 euro.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here