DA PINEROLO A NEMI, PER RICORDARE IL PROF COMBA

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di THOMAS ZANOTTI

PINEROLO / NEMI – A Nemi, nella suggestiva cornice dei castelli romani, si è tenuto dal 7 fino al 10 luglio il convegno dal titolo “Animali. Miti, Saperi, Simbologie”, in ricordo dell’antropologo Enrico Comba, docente presso l’Ateneo torinese del Dipartimento Culture, Politiche e Società e direttore del Museo di Arte Preistorica di Pinerolo, vittima della pandemia nell’aprile 2020.

Il convegno, organizzato dal Direttore del Museo delle Religioni Igor Baglioni, e dalla Presidente dell’Associazione Culturale “Calliope”, Maria Paola De Marchis, ha registrato la folta partecipazione di studiosi e ricercatori di Università italiane e straniere, e anche di una rappresentanza della Valle di Susa, dal momento che Enrico Comba ha in passato lavorato a iniziative culturali importanti che hanno coinvolto il territorio valsusino, come uno dei suoi ultimi convegni (La natura animata), tenutosi a Bardonecchia nel dicembre 2019.

A Nemi hanno ricordato Enrico Comba l’antropologa Caterina Agus per l’Università di Torino e Giuliana Giai per l’Associazione Segusina “Il Ponte”, presieduta da Giovanni Quaglino: proprio “Il Ponte”, insieme ad altre associazioni, aveva attivamente collaborato alla realizzazione del convegno bardonecchiese del 2019.

L’incontro di studi, che ha visto immancabilmente momenti di grande emozione, non è stato solo il luogo dove ricordare Enrico Comba e riflettere complessivamente sulle sue ricerche e sui suoi scritti, ma è stato anche una preziosa occasione per approfondire e continuare con nuovi stimoli le indagini interdisciplinari da lui avviate e promosse in merito ai miti, ai saperi e alle simbologie relativi agli animali.

Delle tante tematiche di cui Enrico Comba si è occupato nel suo intenso percorso di studi, non si può non ricordare il sentiero, da lui tracciato, attraverso i temi dell’antropologia della natura e soprattutto del rapporto tra uomo e mondo animale, tra dimensione culturale e natura, quanto mai di attualità nel momento storico in cui stiamo vivendo.

Il convegno nemorense è solo la prima di una serie di iniziative volte a sottolineare l’importanza di queste tematiche e a proseguire il viaggio intrapreso da Comba nell’universo della simbologia, dei rituali e dello stretto rapporto tra la natura e l’uomo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here