PRAGELATO, IL COMUNE REPLICA AGLI OPERATORI TURISTICI

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

dall’AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI PRAGELATO

PRAGELATO – “Abbiamo ricevuto una lettera, non firmata da nessuno se non da un gruppo di ‘operatori’ di Pragelato che lamentano una presunta ‘assenza’ dell’amministrazione in questa drammatica emergenza sanitaria che ci colpisce tutti. Non è il tempo delle polemiche, come ovvio e scontato, soprattutto quando provengono da documenti che non sono firmati. Ma intendiamo, comunque sia, dare una prima risposta.

Proviamo a rispondere sinteticamente nel merito.

1) Attraverso una indispensabile e necessaria azione mediatica, abbiamo diffuso nelle ultime settimane una serie di decisioni e di scelte dell’amministrazione comunale che hanno avuto l’effetto concreto, da noi auspicato e perseguito sin dall’inizio di questa emergenza sanitaria, di frenare e contenere il più possibile gli arrivi a Pragelato. Soprattutto dei non residenti per motivazioni che proprio oggi ricordano ancora e ripetutamente le varie ordinanze del Governo e della Regione Piemonte. Per non parlare dei richiami di tutta l’informazione italiana. Scelte che ci sono state ripetutamente, e giustamente, richieste da moltissimi cittadini di Pragelato. E possiamo dire, oggi, che questa azione di sensibilizzazione e di decisioni ha prodotto risultati concreti e tangibili per la comunità di Pragelato. Obiettivi che, ci pare di capire dagli estensori della lettera, non sono stati condivisi perché, si sostiene, che tutto ciò che è riconducibile al tema delicato dei controlli e degli spostamenti è sufficiente il buon senso dei cittadini per garantirlo. Noi, al contrario, riteniamo che i controlli e gli spostamenti verso Pragelato vengono fatti solo se ci sono delle regole che li disciplinano. E, non a caso, a Pragelato si vedono i risultati concreti.

2) Si dice che ogni scelta che abbiamo fatto non è stata preceduta da incontri, peraltro vietati per legge, come tutti sanno. Noi le scelte e le decisioni le abbiamo fatte dopo una serie di contatti e, soprattutto, di richieste e di sollecitazioni che provenivano giustamente dai cittadini. Purtroppo senza una consultazione pubblica, che oggi non è prevista. E, guarda caso, sono state scelte e decisioni – del resto avanzate da moltissimi comuni – che poi sono diventate di pubblico dominio perché normate dagli organismi istituzionali superiori e che erano già al centro del dibattito pubblico regionale e nazionale. Non ci sono mai state scelte ‘ex cathedra’. Che poi a qualcuno, non sappiamo però a chi, non piaccia il metodo di rendere immediatamente pubblico ciò che decide l’amministrazione è una quest’azione di diversità sul metodo. A noi piace la trasparenza e la franchezza, da sempre.

3) È curiosa la polemica pretestuosa – ripetiamo, inopportuna e fuori luogo in un momento drammatico come quello che stiamo vivendo – sulla necessità di non indebolire la vocazione turistica di Pragelato. O meglio, se abbiamo ben compreso, che la scelta di restringere il più possibile gli arrivi in questa fase possa compromettere il futuro turistico di Pragelato. Ma chi pensa una cosa del genere? Un mistero. In tutte le nostre decisioni abbiamo sempre sottolineato che non c’è alcun intento punitivo o discriminatorio. Anzi, al contrario, era sempre e solo dettato da ragioni legate alla salvaguardia della salute. A cominciare dai cittadini di Pragelato. Al riguardo, avremo modo, come ovvio e giustamente, di affrontare come Unione Montana Via Lattea, di come rilanciare e incrementare l’intero comprensorio territoriale e tenendo conto della specificità di questo territorio e della sua vocazione principale. Ma fare un processo alle intenzioni, soprattutto oggi, ci pare curioso e del tutto fuori luogo.

4) In ultimo, e con amicizia, non sappiamo cosa significa ‘vicinanza alle persone’. Noi la vicinanza alle persone, in questa fase drammatica e con le regole che ci sono in Italia – che forse sfuggono agli estensori di questa lettera – la interpretiamo così. Assumere decisioni e intraprendere scelte che cercano di cogliere le indicazioni che provengono dagli organismi istituzionali superiori da un lato e, soprattutto, di tutelare il più possibile la salute e la sicurezza della nostra comunità dall’alto. Ascoltando, lo ripetiamo ancora una volta, le sollecitazioni giuste e e importanti che ci arrivano dai cittadini. Obiettivo, oggi, prioritario. Anche percheé, prima di questa drammatica emergenza sanitaria, abbiamo organizzato una gamma di incontri pubblici al punto da essere – forse anche giustamente – redarguiti per l’eccessivo attivismo… Anche quando gli incontri pubblici erano frequentati da pochissime persone, come quello organizzato con gli esercenti commerciali. Comunque sia, l’Amministrazione Comunale di Pragelato è sempre disponibile al dialogo e al confronto. Purché sia tra persone e non dietro sigle misteriose e, soprattutto, sui contenuti. Come abbiamo fatto dal primo giorno del nostro insediamento.

Pragelato

L’amministrazione Comunale

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here