TURISMO NEL PINEROLESE, 54 COMUNI CREANO UNA CABINA DI REGIA

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

dal COMUNE DI PINEROLO 

PINEROLO – Mercoledì 5 maggio 2021 si è riunita presso la Città di Pinerolo la prima cabina di Regia politica sul turismo nell’area del Pinerolese. La cabina di Regia è costituita dai sindaci e assessori delegati dai 54 comuni della Zona omogenea Pinerolese e ha le seguenti finalità:

– condivisione dei principali progetti di sviluppo del pinerolese in ambito turistico,

– facilitazione nell’istituzione di partenariati significativi finalizzati a partecipare a bandi di progetto,

– individuazione delle linee prioritarie di sviluppo del turismo nell’area del Pinerolese.

A rappresentare tutti i 54 enti della zona omogenea sono stati individuati i seguenti comuni: Cavour, Macello, Cantalupa, Usseaux, Bobbio Pellice, San Secondo di Pinerolo, Fenestrelle, Prali, Villar Perosa, Pinerolo. Si è deciso di rendere mensile la riunione del gruppo.

Da parte dei presenti è stata manifestata la soddisfazione per avere creato questo momento di incontro politico finalizzato a rilanciare il turismo in un’area più vasta, il Pinerolese, in modo coordinato riconoscendosi tutti nella denominazione di ‘Pinerolese’ e condividendo strategie e progettazioni al fine di ottimizzare i finanziamenti e coordinare le attività sul territorio.

La cabina di regia si interfaccia inoltre con il gruppo ‘turismo’ del progetto ‘Ripartiamo insieme’ costituito da enti pubblici, imprenditori (privati) operatori culturali e organizzazioni sindacali che opera da oltre un anno sul territorio. Le prime linee di promozione e valorizzazione di alcuni aspetti del territorio individuate, a seguito dell’epidemia covid-19, su cui si cercherà di fare convergere forze, idee e finanziamenti sono le seguenti.

La via dei Forti con il Forte di Fenestrelle (riconosciuto elemento simbolo del Pinerolese), la Strada dell’Assietta e il collegamento dei forti delle valli Chisone, Germanasca e Pellice,
la valorizzazione dei sentieri dello spirito che vedono l’unione dei percorsi di visita cattolici e valdesi in un unico percorso ecumenico,
outdoor: cicloturismo, escursionismo, ecc.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here