ELEZIONI PINEROLO, CAMPISI E MARSURA IN LISTA PER IL SINDACO SALVAI

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

COMUNICATO DEL GRUPPO “PINEROLO CORAGGIOSA”

PINEROLO – Dopo il lancio del progetto promosso da Francesca Costarelli e Lara Pezzano, prosegue la presentazione di altri due candidati che fanno parte della lista “Pinerolo Coraggiosa”: sono Rebecca Marsura, giovane artista e sportiva, e Fabrizio Campisi, esperto di fotovoltaico e ambientalista convinto.

CHI SONO

Fabrizio Campisi

FABRIZIO CAMPISI

Ha conseguito all’Istituto Buniva di Pinerolo il diploma di Geometra; dopo aver fatto alcuni corsi professionali, si è inserito nel mondo del lavoro come disegnatore/progettista in ambito edile per poi cambiare rotta e fare diverse esperienze, da addetto alla sicurezza industriale nel comprensorio Fiat, alla gestione Qualità ISO 9001 in azienda produttrice di imballaggi. Successivamente ha deciso di fermarsi per intraprendere un percorso dettato da quella che nel frattempo era diventata una passione: la salvaguardia dell’ambiente e le energie rinnovabili.

Nel 2007 si è iscritto al corso “Tecnico per le risorse e il risparmio energetico”, su fonti rinnovabili, bioedilizia e nuove tecnologie; dopo l’anno di studio, durante il quale ho fatto i più disparati lavori per mantenermi, ho ripreso l’attività lavorativa come tecnico/progettista di impianti fotovoltaici. Da allora è occupato in tale campo, seguendo sempre le novità tecnologiche e legislative succedutesi negli anni.

BIOGRAFIA

Nato a Pinerolo e vissuto a Piossasco e poi a Torino, sono tornato nella mia città natale da pochi anni, dopo l’arrivo del mio piccolo, che ora ha cinque anni.

I miei interessi sono molteplici, troppi per il tempo a disposizione ma pochi per la mia indole di curioso ed “esploratore”:  divoratore di musica e musicista, appassionato di montagna e trekking, appassionato di fotografia, cicloturismo, mototurismo e, spero, bravo papà.

Sono un ambientalista convinto e sostenitore delle misure concrete per l’effettivo miglioramento della vita di tutti e per la costruzione di un futuro sostenibile. Non amo le misure di facciata e credo fermamente che ogni buona pratica, anche la più piccola, sia rilevante solo se fa parte di un pensiero comune e una strategia condivisa.

Ritengo fondamentale per ogni comunità, la costruzione e la crescita di una Cultura della Sostenibilità, da imprimere profondamente a ogni livello del tessuto sociale.

Da questi punti di vista, auspico che la città di Pinerolo possa fare da modello e da capofila nel territorio della Città Metropolitana.

SOGNI NEL CASSETTO

Sogno una comunità stimolante e attrattiva, dal punto di vista culturale, economico e turistico. Sogno una ferrovia Pinerolo-Torre Pellice di nuovo in funzione e/o una stupenda ciclabile per la Val Pellice.

PINEROLO/TERRITORIO/ITALIA

Ritengo che una amministrazione di successo debba essere basata su due principi: coinvolgimento attivo e costante della cittadinanza per stimolare una sana coscienza civica e il “fare rete” con gli altri centri della Città Metropolitana, al fine di realizzare obiettivi comuni, in particolare con la città di Torino.

Rebecca Marsura

REBECCA MARSURA

Ha frequentato l’Istituto Buniva dove ha conseguito il diploma in Relazioni Internazionali per il Marketing. Cambiando drasticamente campo, a novembre dell’anno scorso si è laureata al DAMS di Torino. Da cinque anni lavoro in un club sportivo come istruttrice di nuoto e fitness acquatico.

Faccio parte dell’Associazione Ok Parliamone: un’associazione formata da giovani, che si occupa di mafie e legalità e organizza momenti in informazione e confronto aperti alla cittadinanza, soprattutto alle ragazze e ai ragazzi.

BIOGRAFIA

Sono nata a Savigliano, ho vissuto la mia infanzia e i primi anni dell’adolescenza a Pinasca. Mi sono poi trasferita a Osasco durante gli anni delle superiori.

Fin da piccola ho praticato il nuoto sincronizzato, che ho dovuto abbandonare (a livello agonistico) per università e lavoro. Altre mie passioni sono: il teatro, il cinema, la danza (o meglio, il movimento espressivo del corpo), la musica. In una parola: l’arte.

Pinerolo l’ho vissuta inizialmente da studentessa e da sportiva e adesso la vivo sostanzialmente tutti i giorni per l’attività dell’associazione, per svago e amicizie. Vorrei che venisse valorizzata ancora di più, perché il potenziale non manca.

SOGNI NEL CASSETTO

Sogno una comunità ricca di cultura, una cultura che leghi e che faccia del bene, per tutt* e di tutt*. Sogno una città in cui i giovani si facciano valere e che soprattutto vengano ascoltati. Sogno una città senza automobili.

PINEROLO/TERRITORIO/ITALIA

Ecco le parole chiave per me: cultura, comunità, verde, benessere, collaborazione, efficienza, rispetto, responsabilità e creatività.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here