LETTERA AGLI ABITANTI DI PRAGELATO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

dal COMUNE DI PRAGELATO

PRAGELATO – Siamo ancora nel mezzo dell’emergenza sanitaria, ma noi pensiamo già al domani. Perchè il domani arriverà. E una comunità viva e generosa come quella di Pragelato deve già attrezzarsi sin d’ora. Con i nostri prodotti locali, i nostri albergatori, i nostri ristoranti, i nostri incantevoli paesaggi, le nostre passeggiate e le nostre borgate. Pragelato è meta di un turismo estivo ed invernale senza eguali.

Noi non vogliamo e non possiamo rinunciare a questa specificità. Seppur sempre e solo nel rispetto delle regole nazionali e regionali. Le stesse manifestazioni tradizionali estive ed invernali saranno al centro del nostro impegno, compatibilmente con le varie disposizioni legislative. Per incrociare le domande e le richieste dei turisti e dei proprietari delle molteplici seconde case che sono e restano una componente essenziale della nostra comunità.

Pragelato vanta un paesaggio straordinario e ricco di cultura e di storia locale che proprio nella stagione estiva ha il suo fulcro di maggior attrazione e svago. Ma anche per la prossima stagione invernale abbiamo già progetti e proposte per accogliere turisti e appassionati sulle piste di fondo olimpiche e sugli impianti disponibili e nelle nostre strutture ricettive.

Insomma, Pragelato non si ferma e non vuole fermarsi. Questo vuol essere un messaggio di speranza e di serenità che rivolgiamo ai nostri concittadini innanzitutto, ma anche a tutti quelle persone che guardano a Pragelato con interesse e simpatia. E da molti anni.

Convinti che appena si torna alla normalità e alla possibilità di poter continuare una vita serena e tranquilla, potremmo ripartire con maggior forza e determinazione per rilanciare la storica vocazione turistica, sportiva, culturale e ricettiva di Pragelato.

Con l’obiettivo prioritario di ricercare, sempre, la strada della coesione di tutta la comunità per raggiungere i nostri traguardi. Insieme ce la faremo. Tutti uniti. Ancora una volta.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here