PINEROLESE, CERCASI VOLONTARI PER DIVENTARE TUTORI E AMMINISTRATORI DI SOSTEGNO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

dalla CITTÀ METROPOLITANA DI TORINO

TORINO – Scadono il 22 marzo le iscrizioni per manifestare interesse a partecipare al corso di formazione per tutori e amministratori di sostegno volontari per il 2021.

La Città Metropolitana di Torino in collaborazione con il CONISA (Consorzio socio assistenziale Valle di Susa – Val Sangone ) e il CISS di Pinerolo (Consorzio intercomunale servizi sociali di Pinerolo sta collaborando al progetto DIOGENE e cerca volontari residenti nelle zone dei due consorzi che, una volta formati, possano essere proposti al giudice tutelare per una eventuale nomina.

Il corso di formazione con una frequenza obbligatoria dei due terzi del totale, comincerà a maggio e durerà dodici ore suddivise in quattro incontri (quasi certamente online) per affrontare temi quali i compiti del giudice tutelare e del tutore, come è organizzato il tribunale e la cancelleria, le relazioni con i servizi socio assistenziali, i compiti dell’Ufficio di pubblica tutela senza trascurare l’esame di casi pratici.

Le persone fragili che necessitano di una tutela pubblica o di un’amministrazione di sostegno sono cresciute in questi anni in modo considerevole: solo sul territorio metropolitano, secondo i dati forniti dai Tribunali, il numero dei provvedimenti di protezione aperti dal 2004 a 2019 è cresciuto del 92,64% passando a circa 12.000 casi.

La Città Metropolitana di Torino attraverso il suo Ufficio Welfare – Pubblica tutela e rapporti con l’Autorità giudiziaria si occupa di aiutare privati, enti pubblici e professionisti a orientarsi nelle procedure per aprire e a gestire misure di protezione giuridica cioè la tutela e l’ amministrazione di sostegno.

Chi è interessato, può approfondire e trova la modulistica per le iscrizioni alla voce PROGETTO DIOGENE al link http://www.cittametropolitana.torino.it/cms/politiche-sociali/tutela-amministrazione-sostegno/corsi-formazione

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here