PRALI, SPARIAMO LA NEVE PER NON UCCIDERE L’ECONOMIA

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
COMUNICATO DI PRALI SKI AREA (Pubblicato su Facebook)
PRALI – Non è facile in questo periodo prendere decisioni, in qualunque direzione. Siamo una stazione sciistica, una società che ha come obiettivo il divertimento altrui. E in questo periodo pandemico non vogliamo parlare di divertimento. Per ora. Vogliamo però darvi una prospettiva, un modo per resistere adesso nella speranza di poterci divertire dopo.
Ed è da questa speranza che parte la nostra volontà di darci degli obiettivi. Non abbiamo date, ma una cosa è certa: abbiamo un futuro. Ed è su questo futuro che vogliamo investire il nostro tempo. Ci sono persone che lavorano nella nostra società, intere famiglie che vivono di questo; siamo parte di un sistema economico che trova negli impianti sciistici un volano per la propria attività, siamo in una valle che sul turismo invernale ha basato parte della propria economia.
Siamo una collettività che vive di montagna, dipende dalla montagna. E siamo stati messi in pausa. La scelta era quella di rimanere in pausa ed attendere o quella di combattere le ansie di questo periodo lavorando come abbiamo fatto gli altri anni. Ed abbiamo scelto la seconda. Manutenzioni, lavori sugli impianti, messe a punto e implementazioni; ecco cosa stiamo facendo. E stiamo sparando neve. Stiamo sparando neve per non uccidere. Per non uccidere un’economia che ripartirà, per non uccidere le speranze di una comunità.
E vogliamo essere pronti ad aprire quando ne avremo la possibilità, quando ci daranno il via in sicurezza e in una situazione di tranquillità. Quando sarà non lo sappiamo ancora: ma avverrà e contateci, saremo pronti. E l’immagine di questi cannoni è l’immagine di una comunità che non vuole arrendersi, cercando di intravedere un futuro per noi e per voi: torneremo a sciare. Non ora. Per adesso abbiate cura di voi, siate ottimisti. Ci vediamo presto.
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here