OSPEDALE DI PINEROLO, DONATO UN NUOVO DISPOSITIVO ALLA PEDIATRIA

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

dall’UFFICIO STAMPA DELL’ASL TO3

PINEROLO – La S.C. Pediatria dell’ospedale di Pinerolo ha ricevuto in questi giorni un dispositivo per la polisonnografia, donato alla struttura dalla Dott.ssa Luisella Quaglio in occasione del suo pensionamento.

La registrazione polisonnografica viene utilizzata per un approfondimento diagnostico in neonati o lattanti che abbiano manifestato un episodio di apnea critico per la vita. Si tratta di un episodio improvviso, che spaventa terribilmente i genitori e che necessita della valutazione in Pronto Soccorso e del ricovero ospedaliero per completare la registrazione polisonnografica, unico esame in grado di escludere un disturbo del sonno severo.

Si tratta di patologie molto frequenti, che colpiscono una grossa fetta della popolazione pediatrica sin dai primi mesi di vita e possono incidere sul rendimento scolastico e sulle relazioni psicoaffettive. La Pediatria di Pinerolo collabora da anni per tale attività con il Centro dei disturbi del sonno dell’Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino, utilizzando per il monitoraggio ospedaliero l’unico dispositivo per polisonnografia presente in azienda fino ad ora, donato alla S.C. Pediatria di Rivoli alcuni anni fa.

“Desideriamo ringraziare Luisella Quaglio” dicono i medici e il personale della S.C. Pediatria di Pinerolo “per questa donazione, di grande utilità per il nostro reparto. Questo gesto testimonia come la Dott.ssa Quaglio abbia sempre svolto il proprio ruolo di pediatra con grandissima passione e professionalità. Rimarrà per tutti l’immagine di una dottoressa sempre attenta ai problemi degli altri, soprattutto i più bisognosi, sempre pronta a sacrificarsi di persona, l’esempio di come interpretare nel modo migliore lo spirito della professione di medico. Mancherà molto alla pediatria di Pinerolo e sicuramente ai bambini di tutto il pinerolese”.

 

 

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here