NONE, PRIMO POSTO NELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA: 90%

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

COMUNICATO DI ACEA PINEROLESE

PINEROLO / NONE – Raccolta differenziata al 90,02% nel Comune di None, in costante crescita con un incremento del 17% nel 2019 rispetto all’anno precedente: sono questi i dati di produzione rifiuti urbani e di raccolta differenziata relativi al 2019 pubblicati dalla Regione Piemonte che portano il Comune del bacino Acea a balzare al primo posto nella classifica di Legambiente dei Comuni Ricicloni 2020 della Provincia di Torino, cioè i Comuni più virtuosi nella raccolta differenziata e nel riciclo.

Il dato è ancora più significativo, se raffrontato, con un media di Raccolta differenziata nei Comuni nella Provincia di Torino che è pari al 58,1% nel 2019. Si inseriscono con ottimi dati di differenziata nella classifica dei Comuni Ricicloni di Legambiente anche Vigone con il 78.55% e Villafranca Piemonte con il 79,21%.

None, Villafranca Piemonte e Vigone hanno raggiunto questo ottimo risultato introducendo sul proprio territorio un innovativo sistema di raccolta attraverso i cassonetti smart o “cassonetti intelligenti”, dotati di badge che rappresentano un’innovazione tecnologica sul fronte della raccolta differenziata, un metodo che sta dando risultati eccellenti in termini sia di quantità della raccolta differenziata ma anche di qualità del materiale avviato a riciclo, evitando conferimenti scorretti di materiali.

Il sistema adottato da questi comuni e recentemente introdotto anche a Cavour è carastterizzato da eco-punti intelligenti dove i cassonetti dell’indifferenziato e dell’organico sono dotati di apertura dello sportello con badge elettronico (una card simile al comune bancomat) che consente di aprire facilmente il portello del cassone.

Per le restanti frazioni (carta, plastica/metallo e vetro) sono stati introdotti cassonetti con bocche calibrate per evitare che vengano buttati rifiuti ingombranti qualsivoglia che devono invece essere portati nelle ecoisole.

Grazie alla ridotta volumetria delle bocche di conferimento, volutamente realizzata in questo modo, non è possibile introdurre rifiuti non conformi, rendendo così la raccolta di qualità e non solo di quantità.

 

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here