IMPIANTI TERMICI, COME RIDURRE I CONSUMI E RISPARMIARE: LA GUIDA DELLA CITTÀ METROPOLITANA

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

della CITTÀ METROPOLITANA

TORINO – Lo sapevate che almeno il 40% del consumo energetico è dovuto agli impianti di riscaldamento e raffreddamento? La corretta gestione e controllo degli impianti di casa è perciò un dovere di tutti.

Ridurre i consumi può farci risparmiare denaro ma anche inquinare meno l’aria che respiriamo: è importante tenere sotto controllo gli impianti termici, perché la manutenzione alle caldaie è indispensabile.

La Città Metropolitana è attenta a queste tematiche, sappiamo che spesso è difficile per gli utenti districarsi fra le norme che definiscono obblighi, scadenze e procedure per una corretta gestione degli impianti termici.

Per questo la campagna di sensibilizzazione anche quest’anno viene ripetuta proprio nei giorni in cui il problema dell’inquinamento dell’aria è al centro dell’attenzione di tutti, con le misure intraprese per contenere il superamento dei limiti di PM10, a partire dalle restrizioni al traffico automobilistico. È bene ricordare infatti che anche le emissioni causate dalle diverse tipologie di impianti di riscaldamento contribuiscono alle emergenze collegate alla qualità dell’aria.

Già lo scorso anno la Città metropolitana aveva realizzato un manuale, un vero e proprio decalogo, per informare in modo semplice e chiaro, sulle procedure e sulla gestione dell’impianto, sugli obblighi e le scadenze a cui attenersi, oltre alle indicazioni utili per non sprecare energia, per risparmiare denaro e rispettare l’ambiente.

Il manuale mantiene la sua validità: vi si trovano anche indicazioni sull’uso e sulla manutenzione degli impianti di riscaldamento e di climatizzazione estiva, partendo da cosa si intende per impianto termico, fino alle sanzioni in caso di inadempienza agli obblighi di legge. Il manuale si rivolge sia ai proprietari o inquilini di un immobile, che agli amministratori di condominio nel caso di impianto termico centralizzato.

In sintesi i dieci punti della guida:
• rispettare i periodi di esercizio;
• affidare i lavori di installazione e controllo a imprese abilitate;
• sottoporre l’impianto a manutenzione periodica;
• conservare la documentazione obbligatoria dell’impianto;
• controllare periodicamente l’efficienza energetica e le emissioni inquinanti;
• verificare che il tecnico abbia effettuato le registrazione previste dalla normativa;
• verificare eventuali anomalie nel rapporto controllo o manutenzione;
• rispettare la corretta ripartizione delle spese negli impianti centralizzati;
• rispettare i vincoli previsti per l’installazione di impianti a biomassa;
• verificare che il manutentore abbia fatto le segnalazioni utili per migliorare l’efficienza dell’impianto.

ESEC_pieghevole_IT_15x15
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here