PINEROLESE, CONVEGNO SU ZOOM PER IL PROGETTO CUORE DELLE VALLI

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

DALL’UFFICIO STAMPA XSONE

LUSERNA SAN GIOVANNI – Lunedì 30 novembre, dalle ore 9.30 fino alle 13, sulla piattaforma di Video Conferenze Zoom è in programma il Convegno finale di restituzione del progetto Interreg Piter Cuore Delle Alpi – Cuore Solidale che ha visto coinvolti la Città Metropolitana di Torino, Diaconia Valdese – Giovani e Territorio, i partners e il gruppo di lavoro costituito dai Consorzi Socio-Assistenziali Con.isa, Ciss di Pinerolo e Asl To3.

Il progetto ha voluto far emergere, attraverso il Future Lab, le problematiche, i bisogni e le visioni, relativi all’immaginario delle persone rispetto al tema del futuro, di alcune categorie sociali (giovani, studenti, adulti), per migliorare l’accessibilità ai servizi nelle aree montane e tendenzialmente isolate.

Il Future Lab è un metodo partecipativo, ideato dal tedesco Robert Jungk nel 1987, basato sull’ascolto condiviso e sulla cittadinanza attiva che affronta i limiti e le paure del presente per coltivare visioni di futuri possibili e permette di pianificare l’accessibilità ai servizi.

Il progetto realizzato in parallelo in Val di Susa a Bussoleno e in Val Pellice a Torre Pellice, è partito con una prima fase di indagine sul campo nell’autunno del 2019 e avrebbe dovuto concludersi nella primavera del 2020. Purtroppo a causa dell’emergenza sanitaria causata dal Covid-19, il convegno finale di restituzione dei risultati è stato posticipato alla fine del mese di novembre.

Dopo i saluti istituzionali di Dimitri De Vita, consigliere delegato alla Montagna Città Metropolitana di Torino e Marco Armand Hugon, presidente Diaconia Valdese Valli, il convegno è diviso in due parti: una che rimanda all’operatività e ai risultati del progetto e l’altra legata agli aspetti politici condotta delle persone che si occupano di politiche giovanili.

Nella prima parte vengono presentati i risultati del processo futurlab per il pinerolese e le Valli di Susa e Sangone da Davide Paschetto, responsabile del servizio Giovani e Territorio della Diaconia Valdese Valli e da Vincenza Pellegrino, docente di Sociologia della Globalizzazione e Politiche Sociali presso l’Università di Parma; il momento è intervallato dalla lettura di riflessioni dei partecipanti ai Future Lab a cura di Vania Catalin e Bianca Chiappino, operatrici della Diaconia Valdese Valli.

A seguire, si analizzano le tre fasi del Future Lab:

CATARSI – “Cosa potrebbe accadere nel futuro se procedessimo nello stesso modo?”. In questa tappa sono state espresse critiche ed emozioni negative e si sono condivise paure e timori reali. Commento a cura di Vincenza Pellegrino.

UTOPIA – “Cosa succederebbe se riuscissimo a realizzare i nostri desideri?”. In questa sessione sono state riformulate le distopie in una dimensione positiva e utopistica, attraverso la collettività. Luca Mercalli, climatologo e meteorologo, presenta le idee creative emerse capaci di raccontare visioni positive del futuro.

TRANSIZIONE – “Quali azioni bisognerebbe mettere in pratica al fine di realizzare la nostra utopia?”. In questa fase sono stati analizzati possibili ostacoli e opportunità del presente e si sono individuate le azioni concrete che possano condurre al futuro positivo immaginato nella seconda tappa. Filippo Barbera, docente del Dipartimento di Culture, Politica e Società dell’Università di Torino, commenta e Vincenza Pellegrino presenta una visione di insieme in cui le proposte risolutive individuate diventano materia di confronto con i decisori politici che diventano protagonisti nella parte successiva del convegno.

Nella seconda parte viene, infatti, istituita una tavola rotonda con i Sindaci e gli Amministratori delle tre Valli coinvolte nel progetto: Bruna Consolini, Sindaca di Bussoleno, Giovanni Borgarello, Assessore di Torre Pellice, Ombretta Bertolo, Sindaca di Almese moderati da Elena Di Bella, Dirigente del Servizio Politiche Sociali e di Parità della Città Metropolitana di Torino. Concludono Marco Bussone, Presidente Nazionale UNCEM e Dimitri De Vita.

L’evento è gratuito e per partecipare è necessario iscriversi al seguente link  https://www.eventbrite.it/e/128982061819. Dopo l’iscrizione, per accedere alla piattaforma Zoom e partecipare al convegno è sufficiente cliccare su https://us02web.zoom.us/j/8958 0642419?pwd=dGdsMHVCNjJm bFd5K3pMWnZJWTFXUT09 e inserire codici ID: 895 8064 2419 e Password: 412940.

L’analisi delle problematiche e dei bisogni rappresentano un punto di partenza per ipotizzare dei cambiamenti sociali. Si parte con piccoli passi per arrivare a grandi cambiamenti. Per maggiori informazioni, contattare di Giovani e Territorio, scrivendo una mail all’indirizzo giovanieterritorio@diaconiavaldese.org.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here