CORONAVIRUS A PINEROLO: CONTAGIATI METÀ DEGLI ANZIANI DELLA CASA DI RIPOSO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di LUCA SALVAI (sindaco di Pinerolo)

PINEROLO – Pubblico un piccolo aggiornamento sulla situazione contagi a Pinerolo. Ad oggi, giovedì 16 aprile, i residenti a Pinerolo che risultano positivi al tampone sono 134, su un totale di 603 analisi effettuate. Il numero risulta più che raddoppiato rispetto alla settimana scorsa, ma c’è un motivo ben preciso.

Nelle giornate del 10 aprile e del 14 aprile sono stati eseguiti i tamponi presso gli ospiti di due delle principali RSA del Comune di Pinerolo (Casa dell’Anziano Attilio Fer e la struttura Giachetti).

I risultati dei tamponi effettuati sugli ospiti della RSA Giachetti (Fondazione Casa dell’Anziano) hanno fatto emergere una situazione drammatica, evidenziando 47 ospiti positivi su 101 tamponi effettuati, mentre si è ancora in attesa dei risultati delle analisi effettuate nella giornata del 14 sugli ospiti della struttura A. Fer.

La struttura sta provvedendo alla ridistribuzione degli ospiti per attuare l’isolamento in maniera finalmente consapevole, peraltro il carico di lavoro rende difficoltosa la corretta gestione di tutti questi pazienti, anche in relazione all’alto numero di operatori assenti per malattia.

Il Tavolo di Coordinamento, istituito tra Comune di Pinerolo e Direzioni delle RSA presenti sul territorio, ha già richiesto con urgenza:

La possibilità di trasferire i soggetti positivi in strutture a ciò dedicate come previsto dalle Linee di indirizzo ministeriali, ISS e indicazioni operative sull’assistenza territoriale, di cui al prot. 7865 del 25/03/2020 del Ministero della Salute)

Nel caso ciò non fosse possibile, supporto alla gestione clinica di questi pazienti (USCA, task-force, consulenza infettivologica), con particolare riferimento a protocolli di terapia applicabili in questo contesto e alla fornitura di idonei presidi per la terapia e per la sicurezza.

La condivisione con le strutture ospedaliere di elementi di valutazione che, se presenti, consentano il ricovero del paziente nelle suddette strutture.

La Commissione di vigilanza dell’Asl questa mattina ha già fatto un sopraluogo presso la struttura. Da quanto mi è stato riferito non sono state ravvisate scorrettezze nella gestione o problematiche di altro tipo. Spero che il sopraluogo sia stato costruttivo e non punitivo: ho denunciato più volte come le RSA siano state lasciate sole nella gestione di questa emergenza.

A tal proposito evidenzio nuovamente come sia ormai evidente che ciò che sta succedendo a Pinerolo è un problema comune a molte strutture del Piemonte: un disastro annunciato da settimane.

La mancanza di strategie efficaci per il contenimento dell’infezione sul territorio, proprio dove il virus miete più vittime e dove le possibilità di contagio sono maggiori (anche per i lavoratori) sta manifestando tutti i suoi effetti.

Certo è più facile imporre alla gente la clausura forzata piuttosto che attuare azioni efficaci di controllo e contenimento dell’infezione, ma lo stare a casa, è evidente, non basta più. Il numero di tamponi che vengono fatti in Piemonte sta salendo: meglio tardi che mai.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here