CORONAVIRUS, NEGLI OSPEDALI DI RIVOLI E PINEROLO 190 DIPENDENTI IN PIÙ

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

dall’ASL TO3

PINEROLO – Aumento dei posti letto disponibili negli ospedali per la Rianimazione e il potenziamento del personale sanitario in servizio. Sono le misure che l’Asl To3 sta mettendo in campo in questi giorni per fronteggiare l’emergenza, dedicando tutte le risorse possibili alla cura dei pazienti Covid-19.

All’ospedale di Pinerolo i posti letto di Rianimazione sono passati da sei a 13. Il reparto si è allargato ed è stato attrezzato per accogliere pazienti Covid-19. In più, sei posti dell’Utic (Unità di Terapia intensiva coronarica) di Cardiologia sono stati trasformati in posti di terapia sub-intensiva.

I posti letto per la Rianimazione all’ospedale di Rivoli invece sono passati da cinque a 19. In pochi giorni, grazie all’impegno di tecnici, operai e di tutto il personale, è stato rimesso in funzione un vecchio blocco operatorio al settimo piano della struttura. I locali sono stati isolati e separati dall’attuale blocco operatorio e sono stati collegati con il reparto di Rianimazione, che si trova all’ottavo piano.

È stato incrementato il personale sanitario in servizio nell’Asl To3, in particolare con la proroga dei contratti a tempo determinato in scadenza e con nuove assunzioni. Sono 190 i dipendenti di più: 26 medici, 74 infermieri, 87 Oss e tre farmacisti. Fra questi, due medici e un infermiere che prestano servizio in modo volontario, a titolo gratuito.

Stiamo facendo tutto il possibile e dedicando tutte le nostre energie a fronteggiare questa emergenza, aumentando i posti letto di Rianimazione e impiegando le risorse a nostra disposizione – afferma il Direttore Generale dell’Asl To3 Flavio Boraso. Voglio ringraziare ancora una volta tutto il personale sanitario, tecnico, amministrativo per lo sforzo incredibile a cui è chiamato in queste settimane e a cui non si è sottratto in alcun modo, nonostante la difficoltà della situazione“.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here