CORONAVIRUS, IL SINDACO DI PINEROLO: “DIVIETI VALIDI FINO A DOMENICA, SIAMO IN ATTESA DEL DECRETO DEL GOVERNO”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

COMUNICATO DEL SINDACO DI PINEROLO LUCA SALVAI

PINEROLO / TORINO – Si è conclusa da poco più di un’ora la riunione in Prefettura tra i Sindaci dei Comuni più grandi della Città Metropolitana di Torino. Il Presidente Cirio e il Prefetto ci hanno comunicato che, purtroppo, fino a domani non possiamo diramare notizie certe sulla prosecuzione o meno delle misure restrittive adottate questa settimana.

È necessario, infatti, che la situazione venga gestita a livello Nazionale: si è pertanto in attesa di un Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri che dovrebbe essere pubblicato nella mattinata di domani. Tale decreto conterrà le linee guida alle quali uniformarsi a livello nazionale. Rispetto a riapertura scuole, impianti sportivi, cerimonie religiose e quant’altro oggetto di ordinanza occorre aspettare fino a domani in tarda mattinata.

LE MISURE RESTRITTIVE FINO AD OGGI ADOTTATE RESTERANNO VALIDE ANCHE PER DOMENICA 1 MARZO.

CONSIGLIO ALLE FAMIGLIE

Organizzatevi per tenere i bambini a casa almeno per le giornate di lunedì e martedì, in quanto, sebbene la notizia non sia certa, difficilmente le lezioni riprenderanno già lunedì.

ALTRE CONSIDERAZIONI

Oggi ci hanno ripetuto come la vera emergenza non sia costituita tanto dal pericolo oggettivo di decessi che questo virus può causare: soggetti generalmente sani che contraggono il virus in linea di massima guariscono. Il vero problema sta nel fatto che di fronte a un numero sempre crescente di infetti, molti dei quali potrebbero avere bisogno di ricoveri ospedalieri, il nostro sistema sanitario potrebbe andare facilmente in tilt, stante il numero di posti letto disponibili, potenzialmente non sufficiente a garantire una gestione di un picco di questo tipo di influenza. Ciò, per esempio, si sta già verificando a Lodi, principale focolaio in Italia, in cui l’ospedale non è più in grado di accettare ricoveri. Non appena si disporranno informazioni certe prontamente le divulgheremo.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here